La ricerca delle persone scomparse, analisi congiunta multidisciplinare.

La ricerca di una persona scomparsa è una attività estremamente complessa ed articolata utilizzando un insieme di tecniche di investigazioni scientifiche. Uno dei principali problemi è quello di dare una identità alla persona ritrovata se questa è deceduta. Esiste a tale scopo dal 2010 una Banca dati presso il Ministero dell’Interno che si chiama RI.SC. (RIcerca SComparsi): partendo dalla raccolta di dati e notizie dal cadavere ignoto ritrovato (Età, sesso, abbigliamento etc), si procede al confronto con i dati di persone scomparse denunciate. Si ottiene quindi una lista di possibili identificazione che deve essere verificata. L’identificazione avviene attraverso esami tecnici come l’esame del DNA, l’esame della dentatura o le impronte digitali. Ma la ricerca su territorio può essere portata avanti anche con la multidisciplinarietà delle ricerche con unità cinofile e con strumentazione geofisica. La grande versatilità e operatività dei cani rende molto veloce operare su vaste aree, mentre la ricerca mediante strumentazione geofisica può essere svolta o in supporto o preventivamente alle precedenti ricerche.

Autori: G. Braccesi, S. Bartolozzi, (IGeA, Borgo San Lorenzo, Firenze), A. Berti, L. Ripani. (Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri, Roma), G. Micheli, V. Scavongelli (Unità cinofile per la ricerca di tracce ematiche e resti umani, Livorno) .

Evento: La geofisica al servizio della protezione civile, la ricerca delle persone scomparse, analisi congiunta multidisciplinare. Museo Civico di Rovereto (TN) 14 dicembre 2012.
Sessione:
Pub date: 14.12.2012
Doc type: Atti congressuali
Language: Italiano
Informazioni: http://www.museocivico.rovereto.tn.it/events_detail.jsp?IDAREA=5&ID_EVENT=415&GTEMPLATE=default.jsp
Link alla pubblicazione:http://www.museocivico.rovereto.tn.it/UploadDocs/4675_Braccesi_Rovereto2012_web.pdf

Commenti chiusi